• Add to Collection
  • Tools Used
  • About

    About

    IL VELO: svelare nascondendo Il padiglione è stato progettato per essere collocato all’interno del Parco Indro Montanelli di Milano in una zona … Read More
    IL VELO: svelare nascondendo Il padiglione è stato progettato per essere collocato all’interno del Parco Indro Montanelli di Milano in una zona pianeggiante, circondato da alberi, di cui uno è diventato parte integrante del progetto. Gli artisti da noi scelti per allestire la mostra con tema “il velo” sono stati Christo e la moglie Jeanne-Claude: Christo e Jeanne-Claude è quindi definito il progetto artistico comune dei coniugi statunitensi. di M.Cristina Pasetti, Viola Pasquinelli, Elena Matteucci Read Less
    Published:
IL VELO: SVELARE NASCONDENDO 
 
Il padiglione è stato progettato per essere collocato all’interno del Parco Indro Montanelli in una zona pianeggiante, circondato da alberi, di cui uno è diventato parte integrante del progetto.
L’edificio è stato sviluppato a partire da una griglia formata da quadrati di 1x1m e, di conseguenza, sono nati i vari locali. Questi si sviluppano tutti su un solo piano ma hanno volumi ed altezze diversi a seconda della loro funzione. La struttura si sviluppa in cinque ambienti: dall’ingresso, con funzione di reception, si può passare, da una parte, al bookstore e alla sala conferenze, dall’altra alla sala espositiva a cui sono collegati una zona proiezioni e un tunnel, il quale collega quest’ultima all’ingresso.
Il complesso è ispirato al Rolex Learning Center progettato dallo studio architettonico giapponese SANAA e al Padiglione dei Paesi Scandinavi a Venezia. Data la sua collocazione all’interno del parco, abbiamo infatti voluto cercare di creare un edificio a contatto con l’esterno attraverso grandi vetrate e l’inserimento di un albero all’interno della zona proiezioni. In particolare con il tunnel e l’ingresso, le cui pareti sono totalmente in vetro e percorse solo da sottili profili, si crea un collegamento tra due diverse zone del parco grazie alle due entrate opposte. Inoltre, l’albero inserito nel progetto è libero di vivere e crescere poiché la struttura dominante lascia spazio alla sua presenza, creando un’ulteriore unione tra natura ed edificio.
di  M.Cristina Pasetti, Viola Pasquinelli, Francesca Patrini , Elena Matteucci