Add to Collection
About

About

Quattro secoli di storia può vantare la via Crucis di Somma Vesuviana, con il lungo corteo di oltre duemila confratelli, tutti al seguito della M… Read More
Quattro secoli di storia può vantare la via Crucis di Somma Vesuviana, con il lungo corteo di oltre duemila confratelli, tutti al seguito della Madonna e del Cristo Morto.Una tradizione in cui si fondono il forte sentimento religioso, che ha sempre contraddistinto questo paese, e la passione dei confratelli che negli anni hanno preservato, tramandato, e valorizzato una manifestazione extrareligiosa secolare. Nella chiesa della Colleggiata nell’antico borgo medievale del Casamale, avviene la vestizione pasquale, dove i confratelli tutti chiusi nelle loro tuniche bianche e avvolti da un intenso odore d’ incenso, si preparano all’ uscita. Gli incappucciati tra ceri e torce accese di fiammelle con sulle spalle il Cristo Morto e l’ Addolorata si incamminano per le vie del paese. È la bufera degli animi, ci sono musicisti, demoni e spiriti del male, ma anche la vita, la morte e le tenebre. La banda intona una musica funerea e piena di pathos, il Cristo Morto e l’ Addolorata vengono seguiti dalla marcia funebre che prosegue lenta. In un’ atmosfera di profonda religiosità e in un’ assordante silenzio i battenti intonano gli ormai famosi canti e dint’ a chies, melodie di dolore evocanti le atrocità della via Crucis. La processione incede mentre parte del popolo è fermo ai lati della strada, chiedendo perdono della colpa che lo ha afflitto o del peccato compiuto. In un paese completamente al buio illuminata da soli lumini, con i confratelli che intonano il “ Sento l’ amaro pianto” , si assiste ad una delle più suggestive e affascinanti teatralizzazioni del dolore e della speranza. La Pasqua sommese non è solo religiosità ma anche simbolo di rigenerazione e fertilità, di speranza e attesa di un nuova sorpresa. Read Less
Published:
Incappucciati 
 
Quattro secoli di storia può vantare la via Crucis di Somma Vesuviana, con il
lungo corteo di oltre duemila confratelli, tutti al seguito della Madonna e del
Cristo Morto.Una tradizione in cui si fondono il forte sentimento religioso,
che ha sempre contraddistinto questo paese, e la passione dei confratelli che
negli anni hanno preservato, tramandato, e valorizzato una manifestazione
extrareligiosa secolare. Nella chiesa della Colleggiata nell’antico borgo
medievale del Casamale, avviene la vestizione pasquale, dove i confratelli tutti
chiusi nelle loro tuniche bianche e avvolti da un intenso odore d’ incenso, si
preparano all’ uscita. Gli incappucciati tra ceri e torce accese di fiammelle con
 sulle spalle il Cristo Morto e l’ Addolorata si incamminano per le vie del paese.
È la bufera degli animi, ci sono musicisti, demoni e spiriti del male, ma anche
la vita, la morte e le tenebre. La banda intona una musica funerea e piena di
pathos, il Cristo Morto e l’ Addolorata vengono seguiti dalla marcia funebre
che prosegue lenta. In un’ atmosfera di profonda religiosità e in un’ assordante
silenzio i battenti intonano gli ormai famosi “canti e dint’ a chies”, melodie di
dolore evocanti le atrocità della via Crucis. La processione incede mentre parte
del popolo è fermo ai lati della strada, chiedendo perdono della colpa che lo ha
afflitto o del peccato compiuto. In un paese completamente al buio illuminata
 da soli lumini, con i confratelli che intonano il “ Sento l’ amaro pianto” , si
assiste ad una delle più suggestive e affascinanti teatralizzazioni del dolore e
della speranza. La Pasqua sommese non è solo religiosità ma anche simbolo
di rigenerazione e fertilità, di speranza e attesa di un nuova sorpresa.