Fontina (Case History)

  • 96
  • 9
  • 0
  •  
    Nel 1996 la Fontina ottiene il riconoscimento DOP dalla Comunità Europea.
    L’agenzia Sanguinetti di Aosta mi chiama per ideare le campagne pubblicitarie del Consorzio Produttori.
    Bisogna creare l’identità di un formaggio finora lasciato comunicativamente a se stesso.
    Il primo passo è marcare il territorio, identificando l’origine.
    Ed ecco quindi le campagne basate sul luogo di nascita della Fontina, e un payoff che comunica l’inscindibile abbinamento Fontina - Valle d’Aosta.
  • Ma questo è solo l’inizio. Adesso occorre comunicare l’unicità della Fontina.
    L’idea mi viene il giorno in cui mi stufo di sentirmi rispondere dai bottegai “Quale Fontina?” ogni volta che la chiedo. Ma santo cielo, la Fontina è SOLO UNA, quella che voi chiamate “fontina dolce”, o “fontal”, NON E’ FONTINA.
    Ecco come nasce il claim SOLO UNA, chiaramente comparativo rispetto alle finte fontine sul mercato.
  • Poi è il momento di parlare dell’utilizzo, delle situazioni di consumo.
    Ed ecco la campagna PREMIA I PRIMI E I SECONDI, dedicata a quelli che oggi sono cultori di MasterChef, e che all’epoca erano semplicemente buongustai.
  • Da metà anni ’90 a fine anni 2000 ho scritto di tutto per la Fontina: campagne pubblicitarie, spot radio, messaggi trade, guide turistico-gastronomiche della Valle d’Aosta, ricettari, naming per le fette confezionate.
    E’ stato gustoso.