PREFAZIONE
​​​​​​​
L’iniziativa nasce nel 2018 dall’idea del giornalista della Nuova Sardegna Alessandro Mele e del fotografo Marco Seddone, di realizzare un percorso di immagini e parole dedicato a Santu Predu storico quartiere al centro del capoluogo barbaricino ma anche all’intera città. La mostra è composta da diversi scatti realizzati nei punti simbolo della vecchia Nuoro, tra questi, la casa natale di Grazia Deledda, la chiesetta di Santu Caralu ma anche Sa Conca sull’Ortobene e la chiesetta della Solitudine. Le fotografie realizzate da Marco Seddone, sono accompagnate da altrettanti testi in poesia, scritti in lingua sarda nuorese, dal giornalista Alessandro Mele che ha dato voce alle immagini per rafforzare il concetto di viaggio tra i ricordi di un quartiere storico e dell’intera loro città natale, inteso da entrambe gli autori. Si tratta di un vero e proprio omaggio a Santu Predu culla della storia della città e protagonista delle vite dei personaggi di spicco dell’Atene Sarda. Lo scopo dell’esposizione poetico-visiva è quello di raccontare ai visitatori quello che consideriamo un vero e proprio diario di bordo: nel corso della realizzazione del progetto ci siamo resi conto di essere a contatto con luoghi quasi mistici, unici testimoni di un passato che non c’è più e dei quali abbiamo pensato di raccontare, attraverso le poesie in limba, le emozioni che trasmettono ma anche di renderle immortali attraverso la fotografia. 

 
Caminèras
Camineras, ammentos, impredaos
contana sos toccos de sa vida
chi dures chent’annos o chi ti manchet una chida
cusservana s’ispera de sos tempos andaos.
Sos jocos bellos de cando fis pitzinnu
sunu firmos in sos muros, itte bellesa,
sos anneos de sos annos de bezzesa
in sos janniles de sas dommos han lassau sinnu.
Ma tue camina, non ti firmes, camina
non prangas pro sos annos de miserias
sies cuntentu de sas bellas camineras
ca sa vida est sa fortuna tua divina.
Vie, ricordi, acciottolati
raccontano i rintocchi della vita
che duri cent'anni o che ti resti una settimana
conservano la speranza dei tempi andati.
I bei giochi di quando eri bambino
sono impressi nei muri, che bellezza,
gli affanni degli anni di vecchiaia
hanno lasciato il segno nelle soglie delle case
Ma tu cammina, non fermarti, cammina
non piangere per gli anni di miseria
sii contento delle belle vie
che la vita è la tua fortuna divina
Crarores de grassia
Notte pessamentosa de crarore,
chelu isteddau e una ninnia,
ocros pintan sa prus durche galania
a tie o musa, soberanu isplendore.
Bella, diosa, ses posta pro cussizzu
pro iscurtare unu prantu, una cantone
si prenat su coro e chin resone
contandenti un irballu, unu disizzu.
Un'ispera, crara chei unu lizzu
mirat a sos ocros tuos galanos,
versos bellos pro cussos chelos craros
de Nugoro babbu, mama e fizzu.
Notte di chiarore e di pensieri
cielo stellato e una ninna nanna
gli occhi dipingono la più dolce bellezza
a te, o musa, splendore ultraterreno.
Bella, dea, sei qui per consigliare
per ascoltare un pianto, una canzone
si riempie il cuore e con ragione
raccontandoti uno sbaglio, un desiderio.
Una speranza, chiara come un giglio
guarda ai tuoi occhi leggiadri
bei versi per quei cieli chiari
di Nuoro padre, madre e figlio.
Mamas
Mi ponen in pessamentu
sas mamas de Nugoro,
durcuras e trumentu
mantenen in su coro.
Issa, prena e dolu
cantabata s’attittu,
in chirca de cossolu
astringhende su corittu.


Nugoro/Santu Caralu, Faveddande chin "sa mama"
Mi mettono a riflettere
le madri di Nuoro
dolcezza e tormento
conservano nel cuore.
Lei, piena di dolore
cantava una nenia
in cerca di consolazione
stringendosi il corpetto.


Nuoro/San Carlo, parlando con "la madre"
Frades
A frade meu
A haer unu frade est una fortuna
chi siet prus mannu o chi siet minore
a mogher paris pompiande sa luna
chin tottu sos benes mustraos chin ardore.
Chi siet unu, duoso, chimbe o deche
bi cresches paris dividinde sa vida
currende drittos contra su tempus e sa neche
colande nottes bellas isettande s’arbeschida.
Mamentoso de abbrazzos o de brigas
fachen parte de sa quotidianidade
grassias a Deus pro custas duas vidas
pro frade meu, pro sa sua amistade.
Avere un fratello è una fortuna
che sia più grande o più piccolo
a camminare assieme guardando la Luna
con tutti i beni mostrati con ardore
Che siano uno, cinque o dieci
ci cresci assieme condividendo la vita
correndo dritti contro il tempo e la colpa
trascorrendo notti belle aspettando l'alba
Momenti di abbracci o di litigi
fanno parte della quotidianità
grazie a Dio per queste due vite
Per mio fratello, per la sua amicizia




Frores
Su primu sole battit sas isperas
un'aera frisca, alligra e risulana,
una runchinedda bolat soberana
battinde cosas bellas, friscas e lizzeras.
Una viola, unu lizzu e una rosa,
sun sas tres prendas de su giardinu
ricchesa, bellesa, de colore divinu
bolat lena sa durche mariposa.
A manzanu s’accraran sos colores
una pintada ‘e armoniosa fantasia
puzzoneddos cantande in allegria
sa serenada a sos tres bellos frores.
Il primo sole porta le speranze
un'aria fresca, allegra e sorridente
una rondinella vola maestosa.
portando cose belle, fresche e leggiadre.
Una viola, un giglio e una rosa,
sono i tre gioielli del giardino
ricchezza, bellezza, di colore divino
vola lentamente la dolce farfalla.
Al mattino si schiariscono i colori
un dipinto di armoniosa fantasia
uccellini cantando in allegria
la serenata ai tre bei fiori.
Nugoresos

Cuss’antica istirpe, si biet dae pizzinnia,
no est faveddu de birgonza o balentia
l’amus ripittiu milli bortas ebbia
chi dae conca a pedes semus nugoresos.
In su coro su profumu e s’Ortobene
in sa’animu su sensu e sa zustissia
carchi borta fachimus cosa chin malissia
si traichen de s’amistade su bene.
Sos guruttos de Santu Predu sunu benas
sas campanas de Santa Maria sunu boche
unu coro mannu dae Sas Grassias a inoche
pintamus disizzos ucchidende sas penas.
Est divinu s’amore pro Nugoro
unu dolu mannu, una pena, a n’de partire
non b’at nugoresu chi cheriat fughire
dae custa patria galana, brillante chei s’oro.
Nugoro, Nugoresas, Nugoreos
a su narrere, unu misticu limbazzu
melodias de organittu o de sonazzu
contos de amore intr ‘e coro presos.

Quell'antica stirpe, si vede dall'infanzia
non è un discorso di vergogna o vanto
l'abbiamo ripetuto più di mille volte
che dalla testa ai piedi siamo nuoresi
Nel cuore il profumo dell'ortobene
nell'animo il senso della giustizia
qualche volta facciamo qualcosa con malizia
se tradiscono il bene dell'amicizia
I vicoli di San Pietro sono vene
le campane di Santa Maria sono voci
un coro grande da Le Grazie a qui
dipingiamo desideri uccidendo le pene
E' divino l'amore per Nuoro
un grande dolore, una pena andare via
non c'è nuorese che voleva fuggire
da questa patria bella, brillante come l'oro
Nuoro, Nuorese, Nuoresi
al parlato, un linguaggio mistico
melodie di organetto o di sonagli
racconti di amore dentro cuori legati.

Disizzos
Su disizzu arribbat chin su bentu,
paris chin son nuscos de Sardigna:
sa murta, s’aranzolu e sa gramigna
de sa tua pitzinnia, pintana un ammentu.
M’ammentas sas nibadas de Nugoro,
sos rajos de s’istiu in su Gennargentu
cuddu beranu froriu chi colat lentu
profumos de atonzu in colore ‘e oro.
Forte che rocca de istirpe montagnina,
sos ocros tuos de su colore prus galanu
paret chi benzas dau unu mundu soberanu
profumada chei una rosa, una reghina.
Non bastat una bida a ti bramare
o su profumu ‘e milli lizzos de collire,
dae cando ti pompiavo in su jannile
sas cosas bellas de sa bida a t'augurare.
Si pesso a su tempus chi est colande
chin tecus sas bellesas no han affannos,
pedo a Deus chi ti cusservet a chent’annos
pro ti bier isposa e mama anninniande.




Il desiderio arriva con il vento
assieme ai profumi di Sardegna
il mirto, il ragno e la gramigna
della tua infanzia, dipingono un ricordo
Mi ricordi le nevicate di Nuoro
i fulmini dell'estate nel Gennargentu
quella primavera fiorita che passa lenta
profumi di autunno con il colore dell'oro.
Forte come una roccia di stirpe montana
i tuoi occhi del colore più bello
sembra che vengano da un mondo ultraterreno
profumata come una rosa, una regina.
Non basta una vita per desiderarti
o il profumo di mille gigli da raccogliere
da quando ti guardavo sulla soglia di casa
ad augurarti le cose belle della vita.
Se penso al tempo che sta passando
con te le bellezze non hanno affanni,
chiedo a Dio che ti preservi a cent'anni
per vederti sposa e madre cantando ninna nanne.


Redentore, luche e s’Ortobene
chi mustrat sa manu sua a Nugoro,
pintande chelos luchidos chei s’oro
e ascurtande de sos nugoresos cada bene.
Sa cara pompiande inoche e in cue
sos pilos paren moghios dae su bentu,
su passu de sa zente colat lentu
firmandesi in s’artaria ube ses tue.
Son omines si lustran sos zippones,
preparandesi sos animos pro Agustu
precan a rosariu e ballana chin gustu,
sas feminas a benda e muccadores.
Chissai itt’este su chi pessas,
pompiande tottu custa galania,
si intendes sas campanas de Santa Maria
e si ti piachet tottu su chi osservas.
Nugoro ti cheret meda bene
bantandeti chi lustru e chin onores,
mancari calicunu rugat in errores
irmenticandesi custa ricchesa in s’Ortobene.
S’ispantu est petzi a ti pompiare
dae sos passibales de su Monte o dae Marreri,
chi siet unu printzipale o carrettoneri
biendeti dae innedda a t’ammirare.

Redentore, luce dell'Ortobene
che mostra la sua mano a Nuoro,
disegnando cieli lucenti come l'oro
e ascoltando ogni cosa dei nuoresi.
La faccia guardando qui e la
i capelli sembrano mossi dal vento,
il passo della gente scorre lento
fermandosi nell'altura dove sei tu.
Gli uomini si lucidano gli abiti,
preparandosi l'animo per Agosto
pregano il rosario e ballano con gusto,
le femmine con benda e fazzoletto.
Chissà cos'è che pensi,
guardando tutta questa bellezza
se senti le campane di Santa Maria
e se ti piace tutto quello che osservi.
Nuoro ti vuole molto bene
vantandoti con lustro e con onore
anche se qualcuno cade in errore
dimenticandosi questa ricchezza sull'Ortobene,
La meraviglia è solo a guardarti,
dagli spiazzi del Monte o da Marreri
che sia un principale o un operaio
vengono da lontano ad ammirarti.


Precadorias

Precande su Segnore, imbrenucau
manos juntas, solu, in su banchittu
in sa cresiedda ne calore ne frittu
nessi un’ora, mudu, soe abbarrau.
Dae su coro, milli precadorias
issian chei unu ribu a pessamentos
pro sos Santos, Maria e a milli bentos
pedinde grassias, perdonu e galanias.
S’anima, a s’issia, fit prus serena
pro aer faveddau chins su Segnore
fintzas su sole fit de diversu colore
caentabat chin durcura sa carena.

Pregando il Signore, inginocchiato
mani giunte, solo, nel banchetto
nella chiesetta né caldo né freddo
almeno un'ora, in silenzio, sono rimasto.
Dal cuore, mille preghiere
uscivano come un fiume di pensieri
per i Santi, Maria e ai mille venti
chiedendo grazie, perdono e cose belle.
L'anima, all'uscita, era più serena
per aver parlato con il Signore
anche il sole era di diverso colore
riscaldava con dolcezza il corpo.
Ninna nanna a sa torrada


In d’una die annuada a fine ‘e istiu
passizzande dae Santu Predu a Caparedda
intesu happo una durche bochichedda
mancari happa timiu, non mi che so fughiu.
Unu lamentu, unu dolu, unu prantu
dae sa corte de su Mastru una ninnia,
so abbarrau a iscurtare un’ora ebbia
happo toccheddau ma soe abbarrau affrantu.
Su Mastru non hat apertu e deo mi so pessau
chi cussa non fit boche de pitzinneddu pesau:
a sa fine appo cumpresu chie fiti: Anton’Istene
chi fit torrande a su babbu, grassias e cada bene.
In una nuvolosa giornata di fine estate
passeggiando da San Pietro a Caparedda
ho sentito una dolce vocina
nonostante lo spavento, non sono fuggito.
Un lamento, un dolore, un pianto
dal cortile del Maestro una cantilena,
sono rimasto ad ascoltare più di un'ora
ho bussato ma sono rimasto affranto.
Il Maestro non ha aperto e io ho intuito
che quella non era voce di un bambino sveglio:
alla fine ho capito chi fosse: Anton'Istene
che stava restituendo al padre, grazie ed ogni bene.
Caminèras
17
340
1
Published:

Caminèras

17
340
1
Published: