Odd Field
Il gruppo di lavoro Oddfield nasce nel 2010 dalla collaborazione di Alberto Papotto e Lorenzo Rossano. Le opere, per lo più fotografiche, spaziano dal reportage teatrale, a scatti prettamente progettati per curare l’interior design di strutture pubbliche o private, per passare poi a fotografie di stampo più autoriale con scenografie surreali costruite appositamente sulla base concettuale di ciò che vogliono trasmettere gli artisti.
Un anno dopo, nel 2011, si aggiunge al collettivo Andrea Marconi, che assieme ad Alberto lavora alla realizzazione del disco di musica elettronica “Black Cabaret Nightlife”.  
Da quel momento in poi il trio si consolida e inizia un percorso incentrato sulla fusione tra elementi visivi e sonori, producendo video, installazioni e performance.
Il tema ricorrente delle opere è il rapporto tra natura primigenia e artefatto contemporaneo, alle volte in relazione armoniosa, altre in totale contrasto.
I lavori esprimono nuove forme d’incomunicabilità tra identità oscillanti che vivono immerse in paradossi di apparenti libertà. Tali forme creano uno spazio in cui cade la distinzione fra virtuale e reale ed emerge la realtà traslata insita nell’attuale modus vivendi, dove l’elemento primordiale, l’origine, è inteso come entità salvifica.