Live Adobe MAX – The Creativity Conference
Learn from the best in the creative industry.
Watch now
FRAME, in collaborazione con l'Assessorato alla Cultura e la Biblioteca Comunale, è un progetto che mira alla raccolta di ogni forma di diffusione audiovisiva popolare (pellicole 8mm, nastri, VHS, Betamax) dagli anni '90 a ritroso, al fine di raccontare e condividere la memoria del territorio di Reggio Calabria e proporla in un format accessibile a tutta la popolazione (acquisizione digitale e restauro, laboratori, mostre e dibattiti).

Il principale elemento di diffusione nel passato risulta sicuramente la pellicola (film), di cui il fotogramma (frame) rappresenta un’icona sia fotografica che audiovisiva. Pertanto, sin dal primo brainstorming con il cliente, il fotogramma viene impostato come elemento chiave del simbolo.

Il risultato finale è rappresentato dalla stilizzazione del fotogramma di una pellicola (in estensione verticale), la quale struttura, in realtà, risulta composta da due pezzi di un puzzle: diversi, unici, ma complementari fra loro.

Il logotipo FRAME racchiude, in cinque lettere, l’essenza del progetto intero: nel linguaggio tecnico audiovisivo, il frame è il fotogramma di una pellicola. Inoltre, le due sillabe che compongono la parola FRAME rappresentano anche le sillabe iniziali della tagline (FRAmmenti di MEmoria).

La scelta di inserire un payoff è dettata da due motivi: rafforzare gli elementi precedenti, ed comunicare al pubblico il nome esteso del progetto. Concepito inizialmente come Frammenti della Memoria, viene semplificato in frammenti di memoria.
Per quei casi ove lo spazio verticale risultasse drasticamente ridotto, ne è prevista una variante orizzontale, la quale vede simbolo e logotipo affiancati, con assenza del payoff.
Il logo è composto da tre colori principali (rosso, ciano e ardesia), di seguito riportati:
Oltre al logo, la richiesta del cliente è di realizzare un coordinato grafico in seno al progetto, per favorire la diffusione al pubblico di materiale informativo.

La soluzione finale prevede un manifesto (in formato A3) ed una brochure a tre ante (A4).

Il manifesto vede una serie di fotogrammi del passato incastonarsi con uno spazio vuoto, nella quale trova spicco un claim semplice ma efficace, ed un rapido riassunto delle informazioni utili a descrivere e favorire l'iniziativa.

Manifesto, A3 
Per sostenere l'idea iniziale (presenza di locandine in vari punti cardine della città) e allo stesso tempo rafforzare il target locale del progetto, ho ideato una serie di claim volti a stimolare la curiosità del cittadino, grazie all'utilizzo di dialetto e riferimenti locali.

La campagna ha in seguito subito un ridimensionamento, pertanto è stato scelto un singolo claim (visibile nel manifesto appena sopra). Di seguito, le altre bozze presentate.

La brochure, che richiama lo stile e le texture della locandina, è condita di elementi vintage che richiamino i vecchi album di fotografie, tipici di genitori e nonni (ritagli di fotografie mediante forbici a zig-zag, pezzi di nastro adesivo, strappi e pieghe marcate della carta).

Brochure, A4 (esterno) 
Brochure, A4 (interno) 
Foto di Maurizio Laganà 
Foto di Maurizio Laganà