• Add to Collection
  • About

    About

    Il nostro progetto “Ready to play?” è stato sviluppato principalmente in analogico con la costruzione di un flipper in carta e cartoncino, fotogr… Read More
    Il nostro progetto “Ready to play?” è stato sviluppato principalmente in analogico con la costruzione di un flipper in carta e cartoncino, fotografato e infine montato in un video con la tecnica stop-motion. Un flipper è luogo dedicato al colore, alla tecnologia, alla confusione, dove una pallina corre in balia degli eventi...per noi è stata la rappresentazione fisica di una mappa mentale, tecnica di creatività. In essa non si ha un’impostazione gerarchica assoluta e gli elementi sono disposti intorno a un centro secondo una raggiera: ciò che sta al centro (nel nostro caso una lampadina), è quello che accende il processo creativo, mentre ciò che si colloca radialmente è il punto intermedio di un processo associativo virtualmente infinito. Con la metafora di gioco speriamo di invogliare i giovani a partecipare al concorso lasciandosi andare alla loro creatività e al loro pensiero sull’innovazione che, come il gioco, libera l’uomo dai vincoli che lo condizionano portando sempre a qualcosa di migliore. SO...INSERT COIN...READY TO PLAY? Read Less
    Published:
Ready to play?
Workshop per il concorso IF...innovation festival Milano 2011
Il nostro progetto “Ready to play?” è stato sviluppato principalmente in analogico con la costruzione di un flipper in carta e cartoncino, fotografato e infine montato in un video con la tecnica stop-motion. Un flipper è luogo dedicato al colore, alla tecnologia, alla confusione, dove una pallina corre in
balia degli eventi...per noi è stata la rappresentazione fisica di una mappa mentale, tecnica di
creatività. In essa non si ha un’impostazione gerarchica assoluta e gli elementi sono disposti
intorno a un centro secondo una raggiera: ciò che sta al centro (nel nostro caso una lampadina), è quello che accende il processo creativo, mentre ciò che si colloca radialmente è il punto intermedio di un processo associativo virtualmente infinito.
Con la metafora di gioco speriamo di invogliare i giovani a partecipare al concorso lasciandosi
andare alla loro creatività e al loro pensiero sull’innovazione che, come il gioco, libera l’uomo dai vincoli che lo condizionano portando sempre a qualcosa di migliore.
SO...INSERT COIN...READY TO PLAY?