• Add to Collection
  • About

    About

    “Che peccato!” è una rivisitazione in chiave Pop dei Sette peccati capitali attraverso affichès e immagini pubblicitarie che spopolano nella nost… Read More
    “Che peccato!” è una rivisitazione in chiave Pop dei Sette peccati capitali attraverso affichès e immagini pubblicitarie che spopolano nella nostra quotidianità. Se è vero che La pop-art ricicla tutto ciò in una pittura che rifà in maniera fredda ed impersonale le immagini proposte dai mass-media, si può anche affermare che l’obiettivo principale, è evidenziarne i cambiamenti di valori indotti nella società dal consumismo. Quei cambiamenti che consistono in una preferenza per valori legati al consumo di beni materiali e alla proiezione degli ideali comuni sui valori dell’immagine. A parlarne tra i primi fu Aristotele. Vizi, deviazioni, debolezze. Con il cristianesimo e con la Divina Commedia di Dante si rafforzò l’idea che i sette punti vulnerabili dell’uomo lo avrebbero condotto alla perdizione [ e dunque all’inferno ]. Dal connubio fra i “Sette vizi capitali”, “la Pop-Art” e il “Consumismo” nasce il progetto “Che peccato!”. Pecchiamo, dunque, di lussuria davanti ad un manifesto pubblicitario di intimo femminile; diventiamo superbi nei confronti dei nostri “followers”, e regine di avarizia, quando vorremmo impossessarci di tutto davanti a una vetrina; il caro gasolio ci fa esplodere di ira, e basta un pagliaccio per farci cadere in tentazione. L’invidia e l’accidia sono i peccati capitali dominanti della nostra social-era, perchè invidiamo ciò che non abbiamo e, guardiamo, anzi scrutiamo, i profili dei nostri pseudo-amici virtuali per invidiarne gli stati e le foto delle vacanze; inoltre la nostra esistenza è dominata dall’inerzia e dalla pigrizia, l'accidia consiste cioè nella paura di affrontare la vita con le sue frustrazioni e le sue prove, e nella fuga di fronte a noi stessi e a ciò che percepiamo come vuoto, talvolta preferiamo augurare buon compleanno sulle bacheche virtuali dei social piuttosto che fare una telefonata… facciamo ricerche su wikipedia piuttosto che sulle enciclopedie e così via. Read Less
    Published:
Che peccato!
project graphic illustrations 
processing creativity, sketch, vector illustration
support paper, artistic canvas
tools acrylic colors, pencil, paper, adobe illustrator
date july.2015