- Val Dittaino -
Sicilia Centrale
Settembre
 
 
Ogni cosa qui è gialla.
Il treno con un solo vagone è l'unica cosa che si muove attraverso la Val Dittaino, bruciata e immobile, terrorizzata ancora una volta dall'estate. Tramortita.
 
Il caldo è un'entità materiale, un corpo denso da attraversare strusciandosi, scivolando, con la pelle tirata e i capelli bagnati, come il gesto eroico, erotico, di un magro ragazzo biondo che si infila attraverso le braccia flaccide e sudate di donna calore, che contenta salta e canta con i suoi Squich, Slach e Plop.
 
Intanto in cielo nuvole parcheggiate. Abbandonate lì. 
Nuvole di nessuno, che se le trovi sono tue.

La stazione lì vicino è minuscola, un palmo di mano attraversato da una sola linea, o di qua o di là.
E poi solo cicale forsennate, concentratissime nel loro canto, a seguire la bacchetta del sole. Un'orchestra di cicale solari. 

Come una spina che torna a casa, abbraccio il mio familiare deserto, mangio un pugno di terra, mi brucio la faccia. 
DI TERRA
59
610
3
Published:

DI TERRA

Everything here is yellow. The train with one carriage is the only thing that moves through the Val Dittaino, burned and motionless, terrified t Read More
59
610
3
Published: