Il Maestro e Margherita // The Master and Margarita
744
54
3
Published:
  • Add to Collection
  • About

    About

    Illustrations for "The Master and Margarita", a novel by Michail A. Bulgakov
    Published:
 
Il Maestro e Margherita, romanzo di Michail A. Bulgakov, pubblicato fra il 1966 e il 1967
Tutti i testi sono tratti dalla prima ristampa dell'edizione integrale, traduzione di Vera Dridso 
© 1967 Einaudi editore s.p.a., Torino, per la traduzione e per tutte le parti dell'opera qui riportate
 
"I manoscritti non bruciano"
 
* * *
"In quel momento sotto il porticato entrò di slancio una rondine,
descrisse un cerchio sotto la volta dorata..."
 
(Il Maestro e Margherita, Cap. II - Ponzio Pilato)
 
 
* * *
"Solo allora agli amici venne in mente di guardarlo ben bene negli occhi,
e si convinsero che quello verde, sinistro, era completamente dissennato, e il destro era vuoto, nero e spento"
 
(Il Maestro e Margherita, Cap. III - La settima prova)
 
 
* * *
"Il fantasma attraversò l'apertura dell'inferriata e arrivò senza ostacoli nella veranda.
Solo allora i presenti videro che non si trattava affatto di un fantasma..."
 
(Il Maestro e Margherita, Cap. V - Quel che successe al Griboedov)
 
 
* * *
"Varenucha gli porse in silenzio il telegramma, e il direttore finanziario vi lesse:
supplico credere stop capitato Jalta causa ipnotismo Woland stop..."
 
(Il Maestro e Margherita, Cap. X - Notizie da Jalta)
 
 
* * *
"- Strappagli la testa! - disse una voce severa dal loggione. - Come dice, eh? - 
replicò immediatamente Fagotto a quella brutta proposta. - Strappargli la testa? È un'idea!"
 
(Il Maestro e Margherita, Cap. XII - La magia nera e il suo smascheramento)
 
 
* * *
"- Essa aveva in mano orribili fiori gialli inquieti.
Non so come si chiamino, ma sono sempre i primi ad apparire a Mosca"

(Il Maestro e Margherita, Cap. XIII - L'apparizione dell'eroe)
 
 
* * *
"Dietro all'enorme scrivania dal massiccio calamaio sedeva un vestito vuoto,
che faceva scorrere sulla carta una penna asciutta, non intinta nell'inchiostro..."

(Il Maestro e Margherita, Cap. XVII - Una giornata agitata)
 
 
* * *
"- Quale sezione della polizia ha rilasciato questo documento? - chiese il gatto esaminando la pagina. 
Non ci fu risposta. - La quattrocentododici, - si disse il gatto, seguendo con la zampa le righe del passaporto, che teneva a rovescio"

(Il Maestro e Margherita, Cap. XVIII - Visitatori sfortunati)
 
 
* * *
"- Che crema! Che crema! - gridò Margherita, buttandosi sulla poltrona.
Le frizioni non l'avevano mutata solo esteriormente..."

(Il Maestro e Margherita, Cap. XX - La crema di Azazello)
 
 
* * *