Share
Project Views
Appreciations
142
Followers
91
Following
210
Sono una lettera, una sola. La A. Il mio nome, il mio segno, il mio gene. Un triangolo, l'equilibrio sul pensiero, e il movimento verso l'alto. Ma poi mi sento anche un po' D e un po' M. Allora forse sono una parola. Avrei più aria per dire, più spazio per fare. Scelgo Sogno, la realtà che non è ma che potrebbe essere… Read More
Sono una lettera, una sola. La A. Il mio nome, il mio segno, il mio gene. Un triangolo, l'equilibrio sul pensiero, e il movimento verso l'alto. Ma poi mi sento anche un po' D e un po' M. Allora forse sono una parola. Avrei più aria per dire, più spazio per fare. Scelgo Sogno, la realtà che non è ma che potrebbe essere. Qualcosa che non puoi toccare, ma puoi descrivere. Ma sono anche Idea. Una parola non mi basta. Non mi basta un concetto, una definizione, un'etichetta. Voglio altro. Di più.
Io scrivo grafiche. Ho la mia identità, la mia passione e la ma creatività. Le mie parole prendono vita, tracciano percorsi, creano simboli su piani virtuali. Sono scie indefinite, non concluse. E quindi, non sono neanche una frase, troppo poco per tutto quello che immagino. Ho bisogno di altre righe, altri caratteri, ho bisogno di aste che mi tengono in piedi e grazie che bloccano le mie spine. Sono un paragrafo. Sì una storia intera sarebbe troppo, ci vuole più esperienza e più futuro da scrivere. Allora sono proprio un paragrafo, non ho righe definite. Non so quante parole ci vogliono per concludere i pensieri. Sono pieno di virgole che mi ricordano gli attimi, ho tanti punti sui quali ho sbattuto la testa. Ho i punti interrogativi per i dubbi e gli esclamativi per le certezze. Ho i punti e virgola perché mi hanno ferito e ho i due punti perché poi sono andato avanti. Ho gli accenti per i ricordi, le parentesi per le cose da dimenticare e le virgolette per quello che rimbomba nella mia testa. Ho qualche cancelletto da qualche parte, perché spesso mi sono sentito imprigionato, ma la magia degli asterischi mi ha ridato di nuovo la libertà. E gli apostrofi? A cosa mi sono serviti gli apostrofi? Hanno costruito un ponte nel mio mondo. Un ponte che ha collegato tutto. Un ponte tra quello che ero e quello che sono adesso. Un ponte che non mi fa dimenticare la mia storiA. Read Less
  • Graphic Designer
    Freelance — Roma, Italy
  • Art Director & Multimedia Designer
    Assett Group — Roma, Italy
  • Graphic Designer
    Freelance — Roma, Italy
  • Art Director
    Esperienze Visive — Roma, Italy
  • Art Director, Industrial & Interior Designer
    Benecon — Caserta, Italy
  • Art Director, Graphic & Interior Designer
    Seconda Università Degli Studi Di Napoli — Aversa, Italy
  • Tutor
    Seconda Università Degli Studi Di Napoli — Aversa, Italy
  • [Stage] Art Director & Copywriter
    Turnè — Napoli, Italy
View Full Resume →
Member since: