Showcase & Discover Creative Work Sign Up For Free
Hiring Talent? Post a Job

Bēhance

JShare
Project Views
Appreciations
80
Followers
73
Following
104
Thomas Lui + Chiara Santaterra = ReflexStudio.
Se la matematica non è un’opinione, allora, quell’addizione semplicissima, dovrebbe
essere la spiegazione più semplice e lineare di quello che è ReflexStudio.
L’unione di due sogni, chiamati entrambi “fotografia”.
La passione, come minimo comun denominatore.
L’amor… Read More
Thomas Lui + Chiara Santaterra = ReflexStudio.
Se la matematica non è un’opinione, allora, quell’addizione semplicissima, dovrebbe
essere la spiegazione più semplice e lineare di quello che è ReflexStudio.
L’unione di due sogni, chiamati entrambi “fotografia”.
La passione, come minimo comun denominatore.
L’amore per l’arte.
La voglia di sperimentare, di essere noi i primi artefici dei nostri mondi creati ad hoc e
mostrati in una sorta di monocromatica sequenza d’immagini.
Bianco e Nero. Gli antipodi. Due colori che son destinati a non incontrarsi mai. A staccarsi,
a segnare linee nette. Eppure, sempre associati, nelle nostre foto. Sempre. Il bianco ed il nero, come modo di vedere le cose. Senza scale di grigi. Senza compromessi.
Scattiamo a tutto ciò che ci viene chiesto, ed a tutto ciò che abbiamo voglia di immortalare, per il piacere giocoso del fatto.
Giochiamo facendo quello che ci piace fare.
Giochiamo per il piacere di sentire quel meraviglioso suono dell’otturatore...
...click...



Thomas Lui + Chiara Santaterra = ReflexStudio.
If the math does not lie, then, should
be the explanation more simple and straightforward than it is ReflexStudio.
The union of two dreams, both called "photography".
Passion, as the lowest common denominator.
The love for art.
The desire to experiment, to be the ones the primary agents of our worlds created ad hoc and
shown in a sort of monochrome image sequence.
Black and White The antipodes. Two colors that are destined to never meet. A loose,
to mark sharp lines. Yet, always associated in our photos. Forever. The white and black, as a way of seeing things. No shades of gray. Without compromise.
We take all that is required of us, and everything that we want to capture, for the pleasure of the playful done.
Play doing what we love to do.
We play for the pleasure of hearing that wonderful sound of the shutter ...
...click ... Read Less
Member Since: Jan 11, 2013