Showcase & Discover Creative Work Sign Up For Free
Hiring Talent? Post a Job

Bēhance

CERCHI CONCENTRICI - ​Kant & Data Visualization

  • 4458
  • 208
  • 17
  •  
    CERCHI CONCENTRICI
    Il piano orbitale dell'esegesi biblica kantiana
  • Sviluppato in collaborazione con Luca Valzesi (luca@valzesi.com, Centro ricerche Immanuel Kant, Università di Milano), il presente grafico, costruito ad hoc per l'inserto LA LETTURA #2 del CORRIERE DELLA SERA (20 novembre 2011) , vuole essere la rappresentazione di un lavoro di ricerca sulle fonti della filosofia kantiana. Mosso dall’ambizioso progetto di dare veste grafica al lavoro di un pensiero più rizomatico che matematico, il grafico riconsegna gli esiti di un lavoro di ricerca volto a comprendere la presenza del Testo Sacro nel pensiero di Immanuel Kant (1724-1804). È infatti curioso realizzare quanto una realtà dogmatica come quella biblica abbia influito sul percorso riflessivo di Kant,  considerato il punto più alto del pensiero illuminista. 
    Il grafico è stato costruito nella figura di tre cerchi concentrici (riprendendo una celebre metafora kantiana), il primo dei quali indica le opere prese in esame, collegandole al secondo dove vengono indicati i termini che in queste opere segnalano un confronto col Codice; il cerchio più esterno indica poi le specifiche sezioni bibliche citate da Kant indicandone i versetti. Ogni cerchio è costruito con un diametro direttamente proporzionale al numero di ricorrenze, rendendo evidente al fruitore la maestosa presenza dell’epistolario paolino nel corpus kantiano.

    Il lavoro svolto dal Centro ricerche Immanuel Kant parte dal presupposto che esiste un’interpretazione corretta di ogni testo filosofico e che questa può essere scoperta indagando il rapporto di ogni autore con le proprie fonti. Una simile impostazione data al lavoro filosofico, benché agisca sempre nei confronti di concetti ed idee, si rifà spesso a realtà empiriche e numerabili per sostenersi e procedere. 
    Su tali realtà questo grafico vuole mostrare il forte contributo che l’infografica può dare anche al progresso di uno degli studi generalmente considerato tra i meno gestibili da schemi e strutture fisse.